Il Castello longobardo di Montella

Castel-del-Monte-Montella

 

Il castello di Montella è di epoca longobarda. Edificato sui resti di un precedente fortilizio romano, è menzionato per la prima volta in un documento longobardo di Arechi II del 762.
Dell’originaria costruzione oggi rimangono intatte solo le mura, la torre mastio e una torre semi-circolare contenente una profonda cisterna. Durante la dominazione angioina il castello venne trasformato in una residenza di piacere nella quale dimorarono vari personaggi illustri, tra i quali il Principe di Taranto Filippo II d’Angiò e il re Alfonso d’Aragona.
Nel 1527 il castello venne assediato dalle truppe del generale francese Lautrech, subendo gravissimi danni che ne provocarono il definitivo abbandono.
Di recente è stato completato il restauro del Donjon ed è possibile visitarlo.
Inoltre, all’interno della cinta muraria gli scavi archeologici, diretti dal prof. Rotili per conto del Dipartimento di Discipline Storiche dell’Università di Napoli Federico II, hanno rinvenuto anche una necropoli, i cui arredi funerari sono oggi conservati nel Museo Irpino di Avellino.

Localizzazione: Terminio-Cervialto

Distanza dal capoluogo: 33,5 Km

Autostrada: A/16 uscita Avellino Est, proseguire per Via Ofantina/SS7 fino fino a Montella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *