Il miracolo del leccio

16_esterno_chiesa_san_francesco_folloni

 

 

Antiche fonti e tradizioni raccontano che Francesco d’Assisi riparò a Montella provvidenzialmente nell’inverno del 1221, sotto un leccio. Nonostante il tempo da lupi – è il caso di dire perché di terra irpina si sta parlando – la neve che cadde quella notte non lambì le fronde sempreverdi dell’albero né inzuppò le tonache di quei pochi frati che vi avevano trovato rifugio per la notte. Il fatto prodigioso non tardò molto a passare di bocca in bocca, come l’identità della guida di quel drappello di forestieri, vestiti in modo vile: frate Francesco e i frati minori, diretti alla grotta di san Michele sul Gargano. Alle richieste insistenti della gente e del castellano il santo di Assisi cedette volentieri, lasciando due frati che costruissero accanto all’albero un romitorio dedicato alla Vergine dell’Annunciazione. Il leccio, nascosto nelle fondamenta del convento, è diventato radice dell’albero secolare che è il Complesso Monumentale di san Francesco a Folloni. Questa storia leggendaria e drammatica, non è l’unico “documento” della fondazione né l’unico fioretto che si tramanda della prima fraternità che ebbe il privilegio di iniziare un’avventura spirituale che continua da otto secoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *